fbpx

Una nota dell’ATT, Associazione Taranto Turismo.

“Questione lavori area parcheggio a San Vito, arriva la risposta dell’assessore Lucio Lonoce. In una nota inviata alla stampa, l’assessore ai lavori pubblici chiarisce che “sono in corso di esecuzione i lavori volti alla realizzazione di opere di miglioria che prevedono tra l’altro la realizzazione di un’area da destinarsi a parcheggio posta tra via Latterini e San Vito. L’area interessata ha una superficie complessiva di circa mq. 2.000 ed è stato previsto un contratto di comodato d’uso gratuito per 5 anni. (…) Ricordo che l’intervento è realizzato mediante gli oneri di sponsorizzazione e quindi a costo zero per il Comune di Taranto. Al ultimazione dei lavori saranno consegnate le chiavi al civico Ente che provvederà a gestire l’area (…)”.

Una risposta che non convince Irene Lamanna, presidente dell’Associazione Taranto Turismo e i residenti di San Vito.

“La risposta fornita dall’assessore non è del tutto chiara – afferma Lamanna -. Cosa vuol dire che l’intervento è realizzato con sponsorizzazioni? È possibile sapere chi sponsorizza i lavori per un terreno privato, da regalare, successivamente, al Comune e a noi cittadini? Mi risulta che gli sponsor solitamente facciano uno scambio: è possibile sapere cosa abbia avuto in questo caso in cambio? In secondo luogo, se si leggono gli atti inerenti il terreno, la destinazione urbanistica risulta per sedi sociali. Solo lo 0.15% dei mq può essere utilizzata a servizio parcheggio. A questo punto ci chiediamo: ci sarà una sede sociale? E di cosa? E se l’area è di 2.000 mq come dice l’assessore, lo stesso ha pensato che come parcheggio potrà fornire il servizio solo a circa una quarantina di auto? Altra domanda: dopo i cinque anni di affidamento al civico Ente, il terreno, ripulito e sistemato, a chi ritornerà? Chi ne sarà l’effettivo proprietario? In realtà vorremmo sapere anche chi è l’effettivo proprietario e se anche lui cede l’uso del terreno come lo sponsor. Ci auguriamo che in maniera trasparente l’amministratore fornisca le risposte. Un’ultima domanda: e il manto stradale? Restiamo sempre in attesa. Credo si tratti di tutte domande lecite visto che stiamo parlando di cosa pubblica, quindi cosa dei cittadini”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi