fbpx

“Ori di Taranto”, le opere di Sibilla e Miano al Castello Aragonese: una iniziativa delle Acli Provinciali di Taranto, con il consenso di Comune e MarTa.

La tradizione dell’artigianato orafo a Taranto rivivrà nelle opere di Pietro Sibilla e nelle foto di Luciano Miano. Dal 16 al 20 aprile, infatti, nella Galleria Comunale del Castello Aragonese si terrà una rassegna organizzata dalle ACLI Provinciali, dedicata ai preziosi manufatti meglio noti come “ori di Taranto”. L’iniziativa, organizzata nell’ambito dell’ampia programmazione culturale loro dedicata e con il consenso dell’assessorato alla Cultura del Comune di Taranto e del direttore del Museo Archeologico cittadino, si pone l’obiettivo di svelare, soprattutto ai più giovani, l’importanza che nei secoli ha rivestito l’arte orafa per la città.

Le sapienti mani del maestro Sibilla, quindi, capaci di riprodurre la bellezza degli “ori di Taranto” nelle copie perfette che saranno esposte durante la rassegna, saranno a disposizione dei visitatori per mostrare i segreti dell’oreficeria, eccellenza tarantina amata e ammirata in tutto il mondo, recentemente protagonista di un’iniziativa a EXPO 2015. Anche le immagini di Miano permetteranno di apprezzare quei dettagli che la vista ad occhio nudo non consente di cogliere e che rappresentano, invece, la peculiare unicità degli “ori di Taranto”.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi