fbpx
Trasporti, mobilità sostenibile: 10mila nuovi bus elettrici in arrivo nelle città italiane

officinaNel centro urbano di Rutigliano (BA), i finanzieri della Tenenza di Mola di Bari hanno scoperto un’autofficina abusiva, frequentata da molti clienti. Sulla porta d’ingresso era presente anche un cartello con la scritta “torno subito” e l’utenza telefonica per le chiamate d’urgenza. Ma tutto ciò non ha tratto in inganno i militari , che, all’atto del controllo, hanno scoperto che l’attività veniva esercitata completamente “in nero” da oltre 5 anni. All’interno dell’officina sono stati anche trovati e sottoposti a sequestro 190 kg di olio esausto da motore per il quale non era stato istituito il registro previsto dalla normativa ambientale. Il meccanico abusivo è stato denunciato per la gestione illegale di rifiuti speciali pericolosi e segnalato alla competente Camera di commercio di Bari per l’irrogazione delle previste sanzioni amministrative. Tutta la strumentazione rinvenuta (banconi da lavoro, attrezzi, ponte sollevatore idraulico per auto, compressori, ecc.) è stata sottoposta a sequestro amministrativo, finalizzato alla confisca. Seguiranno accertamenti, anche di natura fiscale, per la quantificazione del volume d’affari sottratto al fisco.

Sempre le Fiamme Gialle di Mola di Bari, nell’ambito di controlli per reprimere il dilagante fenomeno dell’abusivismo sia commerciale che edilizio, insospettiti dall’assenza del cartello di cantiere in prossimità di un fabbricato in costruzione a Rutigliano (BA), hanno appurato, dopo le opportune verifiche effettuate presso l’ufficio tecnico di quel Comune, che per i lavori edili in corso non era stata concessa alcuna autorizzazione. Il successivo intervento presso il cantiere ha portato, inoltre, a scoprire due operai intenti a lavorare “in nero” senza alcun dispositivo di protezione. L’intera area di oltre 440 metri quadrati e varie attrezzature edili sono state sequestrate mentre le persone coinvolte nella vicenda sono state denunciate a piede libero all’Autorità Giudiziaria.

Commenta l'articolo:

Rispondi

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi