fbpx

PUGLIA, “PASQUA SICURA”: SEQUESTRATE 80MILA UOVA, DUE DENUNCIATI

BARI – in vista del ponte pasquale si intensificano, soprattutto sul versante alimentare, i controlli delle forze dell’ordine.

Due denunce per il reato di frode nell’esercizio del commercio e circa 80.000 uova sequestrate costituiscono il bilancio dell’operazione ‘Pasqua con uova sicure’ compiuta dai Forestali del Comando Regionale per la Puglia di Bari e del Coordinamento territoriale per l’Ambiente di Altamura – Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Una ventina le ditte controllate in tutta la regione tra aziende avicole, commercianti all’ingrosso e al dettaglio. In sette di esse sono stati riscontrati illeciti e sono state fatte multe per 10 mila euro. I controlli, mirati a garantire la sicurezza agroalimentare e a tutelare i consumatori, sono stati compiuti a marzo, nel mercato pugliese che vede la coesistenza di uova nostrane e straniere (romene, polacche e spagnole). A Lecce e Taranto sono state trovate uova con la data di scadenza posticipata di 7 giorni rispetto a quella effettiva. A Trani, Barletta, Mesagne, e Leporano, uova non timbrate, di dubbia provenienza, non tracciabili.

Commenta l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi