fbpx

TARANTO: TEMPA ROSSA, LA COMMISSIONE EUROPEA RISPONDE A “PEACELINK” E “COVA CONTRO”

La Commissione Europea, Direzione Generale Ambiente, ha inviato oggi una lettera a Peacelink e Cova Contro, nella quale sottolinea di non essere in possesso di informazioni dettagliate sul progetto Tempa Rossa in Basilicata ma che probabilmente esso deve essere letto nell’ottica della Direttiva 2010/75/EU sulle emissioni industriali e della Direttiva 2011/92/EU sugli effetti di progetti pubblici e privati sull’ambiente. In particolare, scrive la Commissione, si potrebbe esaminare il progetto Tempa Rossa alla luce dell’allegato 2 della Direttiva 2011/92/EU, secondo il quale gli Stati Membri devono determinare, attraverso un esame di fattibilità caso per caso o attraverso criteri fissati con limiti soglia, i possibili effetti dei progetti in questione sull’ambiente, prendendo in considerazione tutti i criteri rilevanti definiti nell’allegato 3 della Direttiva 2011/92/EU. “Se lo Stato Membro (l’Italia), scrive la Commissione, determina che il progetto possa avere conseguenze importanti per l’ambiente, uno studio di fattibilità deve essere realizzato e gli Stati Membri sono obbligati a rendere pubblici i risultati di tali studi. Quindi, al momento, dalle informazioni a noi disponibili, scrive la Commissione, non possiamo verificare se le esigenze ed i requisiti primari siano stati rispettati”. Nella lettera a Peacelink, la Commissione sottolinea che la Direttiva 2010/75/EU sulle emissioni industriali obbliga gli Stati Membri ad assicurare che le installazioni industriali siano in regola con le condizioni definite dal permesso di produrre/funzionare, sulla base delle BAT (best available techniques, migliori tecniche disponibili) e sulla base di limiti fissati per le emissioni di sostanze inquinanti in aria, acqua e suolo. Ma la Direttiva sulle Emissioni Industriali non si applica alle raffinerie, né alle attività relative. La Direttiva EIA (sugli effetti dell’inquinamento sull’ambiente) sottolinea, negli articoli 23 e 24, che i cittadini hanno il diritto di essere messi a conoscenza degli effetti delle installazioni industriali, attraverso l’informazione, la partecipazione pubblica alle procedure che definiscono l’ottenimento dei permessi e in termini di ispezioni nel caso di gravi denunce sull’impatto ambientale. Tali strumenti possono mettere i cittadini in grado di ottenere risposte alle richieste sollevate. “Comunque, conclude la lettera, se la Commissione riceverà indicazioni chiare del fatto che c’è una evidente violazione della legislazione europea in materia, considererà l’apertura di una procedura di investigazione”. Soddisfatte di tale comunicazione Peacelink e Cova Contro, che hanno cominciato a preparare un dossier da inviare agli uffici europei preposti al fine di dimostrare le possibili violazioni in materia ambientale. Nella lettera scritta alla Commissione, Cova Contro e Peacelink avevano sottolineato l’urgenza di diverse criticità ambientali in Basilicata e la Commissione ha ritenuto, nella risposta di oggi, di dare la priorità alla questione Tempa Rossa. Le altre questioni, tuttavia, rimangono aperte e oggetto di attenzione da parte delle associazioni.

Commenta l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi