fbpx

TARANTO: PERIZIA ILVA, BUFFO “SEMBRA CHIARA MA NON LO E'”

L’ING. ADOLFO BUFFO, RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE PER LA QUALITÀ, L’AMBIENTE E LA SICUREZZA DELL’ILVA DI TARANTO, HA RILASCIATO LE SEGUENTI DICHIARAZIONI: “UNA PREMESSA: DOBBIAMO NECESSARIAMENTE ASPETTARE LE CONTRODEDUZIONI DEI NOSTRI CONSULENTI PER ENTRARE NEI DETTAGLI DELLE CONCLUSIONI DEI PERITI DEL GIP. POSSIAMO SOLO PARLARE A LIVELLO GENERALE”. “IO POSSO SOLO EVIDENZIARE – CONTINUA L’ING. BUFFO – CHE SUI QUESITI I PERITI DEL GIP DANNO ALCUNE RISPOSTE SINTETICHE E SECCHE MA POI LEGGENDO LA PERIZIA TUTTO DIVENTA MENO CHIARO E SICURO. INSOMMA A LEGGERE LE CONCLUSIONI SI HA UN’IDEA, A LEGGERE LA PERIZIA UN’ALTRA”. “AD ESEMPIO SUL SECONDO QUESITO: SE I LIVELLI DI DIOSSINA E PCB NELLE PECORE E NEI TERRENI CIRCOSTANTI L’AREA INDUSTRIALE SIANO RICONDUCIBILI ALL’ILVA, LA RISPOSTA DEI PERITI SEMBREREBBE AFFERMATIVA MA POI PARLANO DI NECESSITÀ DI ADOTTARE UN PRINCIPIO DI CAUTELA, DI BUONA APPROSSIMAZIONE, LIMITI DELLA CONOSCENZA SCIENTIFICA. “UN ALTRO ESEMPIO? SI PARLA DI DISPERSIONE DELLA DIOSSINA E LA PERIZIA ESCLUDE CHE QUESTA POSSA AVVENIRE DAL CAMINO E312. DISPERSIONE “A TERRA” DICONO I PERITI. MA NON SI SPIEGA COME LA POLVERE, PESANTE PERCHÈ CONTIENE IN MASSIMA PARTE FERRO, SI DISPERDE PER UN RAGGIO DI 20KM. E POI COME FA AD INTERESSARE ALCUNE AREE (I PASCOLI) E NON ALTRE PIÙ VICINE ALLA STABILIMENTO? LA PERIZIA HA ESCLUSO LA PRESENZA DI DIOSSINA NEI TERRENI DEI TAMBURI.”
“LA RISPOSTA AL QUESITO IV – COMMENTA L’ING. BUFFO – SUI VALORI DI DIOSSINA, BENZO(A)PIRENE E IPA
DICE CHE NOI SIAMO CONFORMI ALLA LEGGE. POI, PERÒ, QUALCUNO SEMBRA CONFONDERE L’ILVA DI TARANTO PER UN INCENERITORE. NOI, PRODUCIAMO ACCIAIO, NON BRUCIAMO RIFIUTI. INSOMMA IL RAGIONAMENTO SEMBREREBBE: SIETE NEI LIMITI DI LEGGE MA SE FOSTE UN INCENERITORE NON LO SARESTE.” “SUL TEMA BAT – PROSEGUE BUFFO – IL LAVORO FATTO PER LA STESURA DELL’AIA, DURATO QUATTRO ANNI, HA DIMOSTRATO I RISULTATI RAGGIUNTI DALL’ILVA NELL’ADOZIONE DELLE MIGLIORI TECNICHE DISPONIBILI E LE PERFORMANCE OTTENUTE SONO IN LINEA CON LE BREF EUROPEE VIGENTI.”
“COMUNQUE VALE IL PENSIERO CHE HO ESPRESSO VENERDI – CONCLUDE BUFFO – L’INCIDENTE PROBATORIO È UN MOMENTO SERIO DI CONFRONTO, E OGGI SIAMO SOLO AI PRIMI PASSI. ASPETTIAMO LE PROSSIME PERIZIE PER CAPIRE MEGLIO QUALE È LA REALE SITUAZIONE”.

Commenta l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi